Oh, Milan

avete visto uno, due, mille concerti e volete condividere le vostre emozioni?
Questo è il posto giusto!
Fabmiky
Messaggi: 1121
Iscritto il: 04/08/2010, 20:28
Contatta:

Oh, Milan

Messaggio da Fabmiky »

Stratus. Se avessi saputo che un giorno questa canzone avrebbe segnato il mio primo incontro con Prince non ci avrei creduto.
Luci accese in un palazzetto nel quale continua ad affluire un pubblico tipicamente italiano, ossia in ritardo.
Siedo nel mio posto con Andrea, giornalista tenuto da me lontano dai colleghi; stasera invece amico di vecchia data che ha deciso di condividere un sogno fattosi realtà.
Gli altoparlanti diffondono brani di Prince; io mi scopro a dire di ogni brano, l'album di appartenenza, o l'album al quale sarebbe dovuto appartenere (Rebirth of the flesh). Andrea che mi guarda con gli occhi sbarrati perché per la prima volta si rende conto che Prince è un culto e non solo un musicista.
Nota che molti hanno qualcosa di viola. Poi mi guarda e per la prima volta nota la mia camicia viola e la sciarpa di seta viola. "Alla buon'ora", commento io.
Il pubblico continua ad affluire e attorno a me siedono fan che ne sanno più di me perché ricordano quando il brano x è stato suonato per la prima volta, e dove (io mi rendo conto che ho ancora molta strada da fare).
Le luci accese, e un improvviso suono dal palco come di tastiera lanciata in loop. Poi riconosco la figura di Renato Neto e sento partire un brano. E Lui, di punto in bianco, anzi in nero con tanto di mantella, attacca Stratus.
Prince è sul palco, a qualche metro da me. Io sugli spalti che ancora non mi rendo conto che è realtà un sogno. E già sono in piedi.
Mountains mi fa capire che è ancora più reale, perché canto quel brano che tante volte per tanti anni ho cantato e mimato in camera mia come fossi io a tenere un concerto (siamo stati tutti adolescenti prima di Amici e XFucktor).
Quindi Shake Your Body e dico ad Andrea che considero questo brano una sorta di omaggio di Prince a Michael Jackson; un brano scelto tra quelli pubblicati con i fratelli e quindi registrato in un periodo nel quale forse Prince guardava a quel gruppo pensando e sognando che un giorno sarebbe salito su di un palco e avrebbe fatto scuotere il corpo al suo pubblico (anche se Prince ha sempre affermato di avere avuto una folgorazione a un concerto di James Brown).
E poi gli omaggi ai suoi "autori" (come si direbbe in un trattato di filologia) continuano. Andrea non crede a ciò che vede. "Ma questi suonano davvero", mi dice. "Questo è Prince", rispondo.
Poi d'improvviso il buio e due fari che illuminano Prince da dietro la sua schiena e mi sembra di vedere l'inizio del Live in Atlanta con The Revolution, durante il Purple Rain Tour.
Let's go crazy, ma io sono impazzito almeno una ventina di minuti prima. Delirious, mai titolo più azzeccato per ciò che provo. Qui però mi accorgo che la sequenza sarebbe più bella se Prince cantasse pure Compassion da 20TEN, ma le cose non funzionano così con lui. Coda di Let's go crazy e cambio di atmosfera. 1999 e Little Red Corvette sono perfette (quest'ultima poi è una delle mie canzoni preferite di sempre). Ma queste sono le canzoni che Prince ama. Lui le ama tutte e ce le dona stasera (chi intende, intende).
Una nuova parentesi funky è annunciata dalla chitarra: Controversy ("Am I straight or gay?", vallo a domandare a quel pirla del Possidente del Consiglio!).
La pausa corre sulle note di Angel. Prendo atto che Prince ha bisogno delle sue coriste per sostenere il concerto come musicista e non solo cantante. Le tre signore dalla voce possente sono un buon alter-ego sul palco per il solo Prince (1+1+1=3 del resto…).
Nothing Compares 2 U mi regala un siparietto privato con Andrea che mi guarda sbigottito chiedendomi ragione di quella che lui considera una cover, e io a svelargli l'arcano mistero di una paternità mai nascosta ("ciccio la canzone è stata scritta da Prince; Sinead la incise anni dopo portandola al successo, ma il brano è Prince al 100%").
Uptown!!! Avevo letto fosse stata fatta in altri concerti recenti, ma non m'aspettavo di sentirla a Milano ora che mi sono convinto che per le date Italiane Prince ha scelto la formula estiva e non autunnale dei suoi concerti.
Raspberry Beret regala il più bel coro abbia mai sentito. Un palazzetto, una sola voce.
Cream invece mi fa sobbalzare perché riconosco sulla base il riff di For Love e io amo il disco di Jill Jones.
Cool ci lancia nella stratosfera del funky più funky. Curioso come Prince si sia impadronito del repertorio di The Time ora che sembra prossimo il loro ritorno. Ma in fin dei conti senza Prince loro non esisterebbero (e con loro anche Janet Jackson, Alexander O'Neal, Jessie Jonson, etc. etc.).
Let's Work e U Got The Look mi fanno pensare al Musicology Tour: la sequenza è la stessa, ma la chitarra è più acida. Prince ci ha in pugno da più di un'ora ma io sto vivendo un sogno e sono prossimo al paradiso.
E poi la chitarra di nuovo. L'arpeggio è il suo annuncio: Purple Rain. Lui non è sul palco ma la chitarra mi dice che sta suonando nascosto dietro il palco. Il mega schermo che fa da quinta ci mostra ripresi dentro una pioggia di luci violacee. Poco importa se non ci sono scenografie urbane del SOTT, perché stasera è la musica a parlare e Prince ora parla con le parole di Purple Rain. Ecco il paradiso. L'assolo non conosce parole per essere descritto, so solo che è diverso da tutti quelli che ho ascoltato. Piango.
Qualche minuto di pausa e inizia Kiss. Più funky, senza chitarra (eccetto il loop). Prince balla. Ha ballato tutto il concerto; ma ora balla, ancheggia, ruffianeggia, ammicca, fa il bulletto che conosciamo da sempre. Lo amo. E amo If I Was Your Girlfriend perché è diversa, perché è straordinariamente bella.
Ancora una pausa e tutti tornano sul palco per suonare due brani storici di The Time (The Bird, Jungle Love) e A Love Bizarre che ormai è più di Prince che di Sheila (sì Sheila è la grande assente e mi dispiace). Sul palco sono saliti un sacco di ragazze e ragazzi (una ragazza è sul palco ora non certo perché scelta casualmente, ma altro non dico). Ballano vicino a Prince; cercano di stringergli la mano, ma non osano. Le coriste si avvicinano di più ma sembrano pure attente a che nulla accada al principe della serata.
Il settore B4 è un angolo del Club54 da tanto si balla.
Si accendono le luci ma rimaniamo fermi. Qualcuno chiede permesso ma a me sfugge di dire a gran voce "da quanto un tecnico del suono risistema un microfono a fine concerto, invece di togliere i cavi ai monitor?". Tutti fermi. Attendiamo e guardiamo il palco. Io guardo Andrea che ha lo sguardo di chi vuole ringraziarmi per un regalo che non s'aspettava.
Eccolo, lo sapevo. Torna. È tornato e ci canta Take Me With U (e chi ti lascia andare?). Chi è rimasto canta e balla. Altri ritornano indietro. Siamo noi Prince: i fedelissimi. Quelli che ti hanno atteso una vita da fan o comunque otto anni per sentirti suonare e cantare. Per fare parte di questo sogno che mi porto dietro da quando a 10 anni mi feci regalare Dirty Mind perché affascinato da un uomo in mutande su una rete di un letto (e poi mi chiedono quando mi sono scoperto gay…).
Guitar chiude le danze e il concerto. Alla fine non ero andato distante quando scrissi la mattina del concerto che m'ero svegliato con Planet Earth e speravo che il concerto venisse aperto con questo brano. Non è andata così, ma a chiudere il concerto è stato un brano tratto dall'album.
Thanks Prince for making my dream comes true

Avatar utente
pannasmontata
Messaggi: 1369
Iscritto il: 12/10/2010, 11:33
Contatta:

Re: Oh, Milan

Messaggio da pannasmontata »

Hai pianto :cry: ....pure tu hai un cuore...purple naturalmente ma ce l'hai :D
Mi piace molto ma a questo punto voglio sapere della ragazza .
curiosity killed the cat

dimenticavo ;-) sai che in auto io e il mio compagno di concerto non facciamo altro che cantare oooooh milan mai titolo per la tua recensione fu più azzeccato.
Ultima modifica di pannasmontata il 07/11/2010, 21:50, modificato 1 volta in totale.
HIS NAME IS PRINCE THE ONE AND ONLY

shy
Site Admin
Messaggi: 2557
Iscritto il: 01/08/2010, 11:38
Località: brescia
Contatta:

Re: Oh, Milan

Messaggio da shy »

Si Fabmiky, sono con te.
Più vi leggo e più mi pare chiaro quanto mi manchi già.
Altri 8 anni per rivederlo in Italia?
Non se ne parla proprio, organizziamo un rapimento?
Eh eh eh, ueilà, si scherza eh.
"che se ne parli pure di me, nella peggior delle ipotesi anche bene" Salvador Dalì

Per tutti e per nessuno...

Fabmiky
Messaggi: 1121
Iscritto il: 04/08/2010, 20:28
Contatta:

Re: Oh, Milan

Messaggio da Fabmiky »

pannasmontata ha scritto:a questo punto voglio sapere della ragazza


Vittoria Hyde ;)


comunque gradirei non si sapesse tanto in giro che possiedo un cuore, perché è dentro una sfera di cristallo rimossa dalla copertina del mio prossimo disco postumo :D

shy
Site Admin
Messaggi: 2557
Iscritto il: 01/08/2010, 11:38
Località: brescia
Contatta:

Re: Oh, Milan

Messaggio da shy »

Io il mio cuore l'ho gettato sul palco di Prince.
Non mi sembrava particolarmente contento della cosa però...
"che se ne parli pure di me, nella peggior delle ipotesi anche bene" Salvador Dalì

Per tutti e per nessuno...

Avatar utente
pannasmontata
Messaggi: 1369
Iscritto il: 12/10/2010, 11:33
Contatta:

Re: Oh, Milan

Messaggio da pannasmontata »

Fabmiky ha scritto:
pannasmontata ha scritto:a questo punto voglio sapere della ragazza


Vittoria Hyde ;)


comunque gradirei non si sapesse tanto in giro che possiedo un cuore, perché è dentro una sfera di cristallo rimossa dalla copertina del mio prossimo disco postumo :D


se non è protetto da copyright ....
Vittoria Hyde è ancora in circolazione ? Che fa ora a parte andare ai concerti e salire sul palco per caso? Mah

Grazie per avermi tolto la curiosità ;-)
HIS NAME IS PRINCE THE ONE AND ONLY

Avatar utente
pannasmontata
Messaggi: 1369
Iscritto il: 12/10/2010, 11:33
Contatta:

Re: Oh, Milan

Messaggio da pannasmontata »

dragoide ha scritto:Io il mio cuore l'ho gettato sul palco di Prince.
Non mi sembrava particolarmente contento della cosa però...


era quello a forma di orsetto? :lol:
HIS NAME IS PRINCE THE ONE AND ONLY

shy
Site Admin
Messaggi: 2557
Iscritto il: 01/08/2010, 11:38
Località: brescia
Contatta:

Re: Oh, Milan

Messaggio da shy »

pannasmontata ha scritto:
dragoide ha scritto:Io il mio cuore l'ho gettato sul palco di Prince.
Non mi sembrava particolarmente contento della cosa però...


era quello a forma di orsetto? :lol:


No, quello era John Blackwell
"che se ne parli pure di me, nella peggior delle ipotesi anche bene" Salvador Dalì

Per tutti e per nessuno...

Fabmiky
Messaggi: 1121
Iscritto il: 04/08/2010, 20:28
Contatta:

Re: Oh, Milan

Messaggio da Fabmiky »

Vittoria continua a fare ciò che ha fatto a XFucktor, ossia farsi notare. di più non sa fare, malgrado abbia buona stampa del settore a milano dalla sua parte.
ma se non c'è sostanza mica puoi fare miracoli. i miracoli li ha fatti Prince con Apollonia

Avatar utente
pannasmontata
Messaggi: 1369
Iscritto il: 12/10/2010, 11:33
Contatta:

Re: Oh, Milan

Messaggio da pannasmontata »

dragoide ha scritto:
pannasmontata ha scritto:
dragoide ha scritto:Io il mio cuore l'ho gettato sul palco di Prince.
Non mi sembrava particolarmente contento della cosa però...


era quello a forma di orsetto? :lol:


No, quello era John Blackwell


:shock: a volte non ti capisco...sarà colpa mia.
Repeat dunque sul palco verso la fine qualcuno ha lanciato quello che a me è parso un peluche ma non è arrivato a destinazione . Ho fatto la battuta cretina sul tuo cuore e tu mi esci fuori con :
No quello era John Blackwell :???:
che vuol dire? ^I!!! vabbè non fa nulla
HIS NAME IS PRINCE THE ONE AND ONLY

Rispondi